Intranet & Product Placement.

Pubblicato il da The Voice of Silence

1) L'intranet è una rete locale (LAN), o un raggruppamento di reti locali, usata all'interno di un qualsiasi tipo di organizzazione al fine facilitare la comunicazione e l'accesso all'informazione. A volte il termine è riferito solo alla rete di servizi più visibile, il sistema di siti che formano uno spazio web interno. In altre accezioni il termine può essere inteso come il sistema di informazioni e servizi di utilità generale accessibili dalla rete interna. Quando una parte dell'intranet viene resa accessibile a clienti, partner o altre persone esterne all'organizzazione, tale parte diventa una extranet. Intranet è identificato come punto di ingresso ad applicazioni specifiche, quali:
Publishing: pubblicazione, personalizzazione e visualizzazione dei contenuti sull'intranet, realizzando la comunicazione monodirezionale di contenuti verso il personale.
Document management: supporto all'acquisizione ed alla gestione della conoscenza esplicita, con funzioni di archiviazione, indicizzazione, correlazione e ricerca.
Community: supporti alla comunicazione e all'interazione tra utenti attraverso servizi interattivi (forum, mailing list, instant messaging, chat) finalizzati alla gestione della conoscenza implicita all'interno dell'azienda.
Collaborative work: supporto alla collaborazione e al teamworking (groupware, e-room, videoconferenze).
Legacy integration: supporto all'accesso ai sistemi informativi aziendali, ai dati e alle procedure dei sistemi gestionali e di tutti gli altri applicativi in azienda.
Self Service: funzionalità in grado di erogare servizi interattivi ai dipendenti, come e-learning, rubrica del personale, modulistica, help desk informatico.
Le modalità di impiego, utilizzo e gestione di queste funzionalità possono essere molto diverse per ogni azienda, tanto che sotto il termine "intranet" ricadono applicazioni difformi per obiettivi, funzionalità, attività supportate, tecnologie usate e legami con gli altri sistemi aziendali.

2) La pubblicità indiretta (in inglese product placement) è quel tipo di pubblicità che compare in spazi non prettamente pubblicitari, senza essere segnalata come tale. Si usa, invece il termine di pubblicità occulta quando avviene in modo non palese e quindi il termine assume una forte connotazione negativa. La pubblicità all'interno di film è la più comune: in molte scene si vedono spesso marchi di famose auto, sigarette, vestiario ecc. Questa pratica è vietata dalla legge italiana, limitatamente alla televisione.

 

 

« La legge vieta qualsiasi “camuffamento” di un messaggio pubblicitario sotto sembianze diverse


allorché la dissimulazione della natura pubblicitaria del messaggio sia di per sé idonea ad indurre in errore il


destinatario, pregiudicandone il comportamento economico.
 »

 

(TAR Lazio, I^, 19.6.2003 n.5450)

 



La Corte di cassazione ha specificato che è vietata la pubblicità indiretta che sia fonte di confusione, e lecita la pubblicità che non causi confusione. La legislazione italiana vieta però categoricamente la pubblicità occulta in televisione: il fondamento di tale normativa viene di solito individuata nel bisogno etico di vietare la pubblicità occulta o comunque indiretta.Le forme indirette di propaganda sono invece ben viste dalle televisioni locali, che vedono nella pubblicità occulta una possibilità in più per raccogliere fondi.

Con tag giornalismo

Commenta il post