Giornali on-line Statunitensi.

Pubblicato il da The Voice of Silence

Il sito on-line del New York Times è costruito in maniera semplice, la forma è molta chiara e la tendenza costante è quella di dare valore ai testi. Si presenta come un vero e proprio giornale dalla costruzione che può risultare banale ma di gran lunga efficace. Le notizie sono costruite come se avessimo davanti ai nostri occhi un giornale cartaceo, aprendo un articolo siamo rimandati costantemente ad approfondimenti sullo stesso e a notizie correlate; il rischio da parte dell'utente è quello di perdersi tra una notizia e l'altra. Ogni singola news è preparata con rigore capace di rendere corretta la fruizione della stessa sul web. Nella parte sinistra della home troviamo un menù ristretto che permette all'utente di trovare direttamente le notizie suddivese per genere. In Italia e in gran parte dell'Europa troviamo facilmente le notizie più lette in questo sito e in tutti quelli statunitensi è facile cogliere le news più bloggate, ricercate, spedite e viste. Di carattere fortemente nazionalista e di fondamentale importanza è la sezione CAUCUS ovvero il blog politico e governativo del New York Times, qui ci si occupa della Presidenza degli Stati Uniti, tutto è in forma interattiva e i documenti presenti sono di carattere ufficiale. Si risparmia all'utenza il passaggio dal sito ufficiale della White House. E' facile quindi constatare come il sito del NY-TIMES tenda a catturare e a tenere dentro di sè l'utente.

Altro sito on-line è quello della CNN, il carattere è di sicuro più moderno rispetto al New York Times on-line, differenza sostanziale sta anche nel linguaggio utilizzato dove nel primo risulta di tipo prettamente giornalistico mentre nel secondo è assolutamente televisivo. Qui il menù che suddivide le notizie per genere, si trova nella parte alta della Home, nella parte centrale troviamo le "Latest News" ovvero le ultime notizie sempre classificate secondo i criteri di ricercatezza, visibilità e presenza nei blog. Largo spazio è dedicato alla sezione "Video" mantenendo così fedeltà all'anima stessa del progetto CNN ovvero quello di dare potere alle immagini e di farle parlare come ogni TG televisivo dovrebbe fare. Immancabile è il link che connette alla sezione "TV" lo troviamo nella parte destra sotto la sezione "Video" infine nella parte più bassa della Home in posizione centrale troviamo la sezione che si prende cura delle notizie di secondo piano che quindi non hanno visibilità diretta all'interno della Home page ma che vanno ricercate attraverso dei link che ne facilitano il recupero suddividendole per genere (entertainment, poltics, world business, world sport, world, middle east, travel, tech, special coverage) e per area geografica (Asia- Europe-U.S.-Americas-Africa). Costruite allo stesso modo del sito www.cnn.com sono le due agenzie di stampa   www.reuters.com e www.associatedpress.com .


La signora nella foto si chiama Arianna Huffington, ideatrice e creatrice dell Huffington Post ovvero del primo giornale esclusivamente on-line. Sfruttando il momento e soprattutto il fatto che internet è ormai presente su tutto il territorio nazionale americano ed è diventato indispendabile come il pane per il popolo made in U.S.A., la signora Huffington ha dato il via a un'idea di sicuro vincente. Il sito si presenta come un vero e proprio grande blog aggregatore di notizie e di relativi commenti, oltre ad avere dei bloggers d'eccezione che scrivono per lei la Signora ospita nel suo sito i post dei blog scelti che andranno poi a costituire il palinsesto vero e proprio dell'Huffington Post. L'idea fu vincente ma lo fu e tuttora lo è anche il risultato infatti i costi del sito sono nulli, la pubblicità presente è tanta e in più il sito funziona come un vero e proprio giornale on-line. Nella parte alta della Home page troviamo il menù che suddivide le notizie per genere. Largo spazio è lasciato alle immagini che fungono da bigliettino da visita per gli articolo che ne seguono.

Con tag giornalismo

Commenta il post